La Golden Dawn

Il presente articolo è stato pubblicato per la prima volta in IT (International Times), n. 33, 14-27 giugno 1968, Londra e la sua pubblicazione autorizzata dall'autore. Traduzione di Roberto Migliussi.
© Kenneth Grant
 
Nell'anno 1923 Aleister Crowley scrisse nel suo Diario Magico: "Quello che feci con la Golden Dawn l'ho fatto esclusivamente per il Nuovo Eone". Queste parole spiegano perché egli pubblicò i segreti occulti del Vecchio Eone conclusosi dopo circa duemila anni nel 1904.
Allora si riversò nell’aura della Terra una nuova, irresistibile e potente, corrente di energia cosmica. Essa sembrò concentrarsi e focalizzarsi nella figura di Frater Perdurabo (Aleister Crowley), un mago che si era preparato per questo influsso, non sapendolo, praticando tecniche cerimoniali occulte insegnate nell'Ordine Ermetico dell'Alba Dorata.
Crowley combatté contro la nuova corrente, la negò e cercò di ignorare le istruzioni che gli furono date dai Capi Segreti del Grande Ordine collocati dietro la Loggia di cui era membro.
D'altro canto nella primavera del 1904, mentre stava passando la luna di miele, la sua prima moglie ricevette alcune istruzioni che inaspettatamente allertarono Crowley. Evocando le Silfi ad apparenza visibile, semplicemente per deliziarla, improvvisamente lei era caduta in trance. Senza ulteriori avvertimenti lei così divenne l'involontaria portavoce di un’intelligenza chiamata Aiwass che si dimostrò una entità occulta di categoria molto superiore a qualunque altra con la quale Crowley avesse comunicato durante il suo tirocinio nell'Alba Dorata.
L'esperienza disperse all’istante il suo atteggiamento, sempre più scettico riguardo al valore dell’avere contatti con forze non terrestri, ed egli si preparò debitamente per la rivelazione che secondo Aiwass era imminente.
In questo modo il documento misterioso conosciuto come Il Libro della Legge ebbe luce. Esso fu copiato da Crowley come dettato a lui dall'invisibile visitatore in tre successive occasioni in una stanza di un hotel del Cairo, che Crowley aveva preparato in modo speciale per l'Operazione Magica. Le tre occasioni ebbero luogo l'8, il 9 e il 10 di Aprile del 1904. L'Intelligenza disincarnata si presentò per un'ora al giorno, precisamente da mezzogiorno all'una. Tre ore di dettatura in tutto; ed esse risultarono nei tre capitoli del Libro dell'Eone di Horus che contiene le vitali formule magiche per i prossimi duemila anni fino a che, di fatto, un altro Eone lo sostituisca.
Il Libro è  in un modo sensazionale e sorprendente descrittivo della vita di oggi, anche se scritto circa sessanta anni fa. La sua profezia di grandi rivolgimenti sociali, guerre e rivalutazioni totali sta iniziando a manifestarsi in termini realistici mentre noi osserviamo il collasso e la disintegrazione delle restrizioni artificiali e delle superstizioni generate dai culti del Vecchio Eone, caratterizzati principalmente dalla 'religione' Cristiana.
A causa delle istruzioni ricevute dai Capi Segreti, che avevano reso possibile la comunicazione de Il Libro della Legge, Crowley fu obbligato a rendere noti i segreti occulti di quei sistemi di realizzazione che precedettero il Nuovo Eone. Egli fece ciò principalmente nel fantastico periodico biennale che egli chiamo L'Equinozio, descritto a proposito come "L'enciclopedia dell'Iniziazione". Questo impegno non fu senza grande pericolo visto che significò la rottura del suo Giuramento Magico, una questione di grave peso sulle cui conseguenze Crowley non aveva alcuna illusione.
L'Equinozio fu l'organo ufficiale della AA. Queste iniziali rappresentano le due parole Greche che significano La Stella Argentata. É il nome della Grande Fratellanza Bianca e su Crowley ricadde il dovere di rappresentarla.
All'inizio il compito gli ripugnava ed egli lo accettò a malincuore senza convinzione. L'Equinozio era, d'altra parte, la "Rivista dell'Illuminismo Scientifico", e questo descrive nella maniera migliore il tipo di occultismo sperimentale nel quale egli fu assorbito al tempo del suo addestramento magico presso la Golden Dawn.
Fu ne L'Equinozio di conseguenza che egli pubblicò i veri segreti dell'Occultismo; segreti che fino all'inizio di questo secolo erano rimasti nascosti nel mistero.
Le corrette attribuzioni dei Trionfi dei Tarocchi, come insegnata nella Golden Dawn, furono pubblicate per la prima volta ed in seguito ulteriori attribuzioni di grande importanza furono rese note ne Il Libro di Thoth, pubblicato dall'O.T.O. nel 1944.
Egli inoltre rilevò il corretto modo di invocare quelle forze elementali i cui nomi e le cui attribuzioni era state sistematicamente classificate da Sir Edward Kelly e dal Dr. John Dee nel secolo XVI, pubblicato ne L'Equinozio nella primavera e nell'autunno del 1912.
Inoltre Crowley rese disponibile la corretta procedura per stabilire una comunicazione con le Intelligenze Geomantiche e con le forze angeliche e demoniche dell'antico grimorio attribuito a Re Salomone. Questo stesso grimorio lo pubblicò come un libro a parte allegato basato sulla traduzione di MacGregor Mathers, a quel tempo capo della Golden Dawn, così come quest'ultimo era stato il traduttore dello strano e terribile Grimorio intitolato Il Libro della Magia Sacra di Abramelin il Mago. Fu dopo che Mathers dimostrò la sua incapacità ad iniziare membri dell'Ordine nel santuario interno della Grande Fratellanza Bianca che Crowley,  attraverso la virtù del suo contatto con i Capi Invisibili, ricostituì la Golden Dawn, così che essa agì come Corte Esterna alla Stella d'Argento o AA.
Oltre Il Libro di Thoth (Il Tarocco), la Geomanzia e il Sistema Magico di Enoch come ricevuto da Kelley e Dee, Crowley preparò e intese pubblicare l'interpretazione iniziatica del sistema Cinese di realizzazione conosciuto come gli Yi King. Egli stava elaborando il corretto significato e l’esatta sequenza dei sessantaquattro esagrammi quando venne colto dalla morte nel 1947.
Un altro grande raggiungimento è la preparazione di un rituale basato sul Grimorio medioevale di Salomone chiamato anche il Goetia Vel Clavicula Salomonis Regis, per dare il suo titolo completo. Questo rituale permette ad una persona di arrivare ad una diretta comunicazione con il suo proprio Genio e di arrivare a quella che è tecnicamente conosciuta come "La Conoscenza e Conversazione del Sacro Angelo Custode". Questo rituale appare nel libro più conosciuto di Crowley, Magick in Teoria e Pratica. Durante la sua vita diverse persone raggiunsero quella "Conoscenza e Conversazione" seguendo le istruzioni contenute in questo libro.
La pubblicazione di questi vari misteri non si concluse d'altro canto con quelli che implicavano gli aspetti puramente cerimoniali della Magick, tali quali quelle opere menzionate precedentemente potrebbero farci pensare. Con la transizione dal Vecchio Eone di Osiride al presente Eone di Horus avviene un cambiamento nella procedura magica. Questi non sono più i tempi in cui l'uomo ha bisogno di mettere in moto la spesso costosa ed elaborata meccanica delle tecniche cerimoniali in modo da contattare gli abitanti di altri piani di esistenza o altre sfere di coscienza.
Crowley comprese già nel 1910 che tali metodi - basati in gran parte sul simbolismo della Massoneria - stavano velocemente andando fuori moda; ed a causa dei progressi nella scienza e grazie a certi segreti magici che egli aveva appreso da un Iniziato chiamato Reuss egli comprese che le vecchie procedure dovevano essere superate da metodi del tutto differenti per essere realmente efficaci. Reuss era il leader di una organizzazione occulta conosciuta come l'Ordo Templi Orientis (O.T.O.) di cui Crowley in seguito divenne il Capo Supremo.
I metodi cerimoniali usati in questo Ordine furono gradualmente sostituiti, sotto Crowley, da Operazioni Magiche che includevano l'uso di sesso e di droghe. Eccetto per il mantenimento di pochi rituali fondamentali tali quali quelli del Pentagramma e Esagramma, l'Invocazione, il Bando e la Consacrazione - rituali che di fatto facilitano l'ingresso o l'uscita delle forze invocate - pochi altri rituali furono mantenuti.
Dopo che la sua appartenenza ufficiale alla Golden Dawn si concluse Crowley fece a meno in grande parte dei complicati accessori della Magia Cerimoniale, specialmente del tipo impiegato nei giorni delle sue grandi Operazioni Magiche a Chancery Lane con il suo Guru, Allan Bennett, il mago divenuto in seguito un monaco Buddista in parte responsabile di aver introdotto il Buddismo in Inghilterra.
Ne Il Libro della Legge il Daemon di Crowley dichiarò: "Per adorarmi prendi vino e strane droghe di cui racconterò al mio profeta e siate ebbri di conseguenza! Esse non vi faranno alcun male. È una bugia, questa follia contro se stessi…Sii forte, o uomo! brama, godi di tutte le cose del senso e del rapimento: non temere che per questo alcun Dio ti rinneghi".
É forse, solamente in tempi recenti, e sicuramente dopo la morte di Crowley, che gli esperimenti con varie droghe hanno aggiunto una prova ulteriore del tono profetico ne Il Libro della Legge il quale descrive il Nuovo Eone in immagini a noi oggi così familiari.
Quello che io voglio enfatizzare qui  è la possibilità di un grande pericolo nella visione non ristretta e incontrollata indotta dalle droghe prese senza una appropriata conoscenza magica ed abilità. Questo è un pericolo non tanto per le droghe stesse ma quanto per l'ossessione di entità che si legano alla coscienza non magicamente protetta di colui che utilizza la droga.
Crowley dedicò grande parte della sua vita alla sperimentazione scientifica con le droghe, in particolare cocaina, hashish, etere e le droghe ipnotiche in generale. Queste potevano essere trovate molto facilmente e legalmente ai suoi tempi e vennero liberamente usate da molte persone comuni così come da scrittori e artisti in genere, come si può vedere dalle memorie e dai romanzi del periodo.
Le donne qualificate come "Donne Scarlatte", cioè coloro che avevano una attitudine per trafficare con gli spiriti sotto la direzione di Crowley, erano inoltre - in alcuni casi - esperte nell'utilizzo di droghe per scopi occulti.
Gli esperimenti di Crowley hanno provato che è assurdo usare droghe o il sesso per il piacere solamente, per  "l'eccitazione" o la semplice sensazione. Al meglio una droga può solo portare fuori quello che è già innato, e questo è caotico e pernicioso quando non viene compreso e propriamente controllato. Le droghe, come l'amore, devono essere usate "sotto il dominio della volontà" per essere realmente efficaci. Aiwass sottolinea l'ingrediente essenziale della Volontà in tutte le operazioni magiche.
Sotto la volontà allenata magicamente l'amore e le droghe sono potenti per portarci in contatto con esseri di un altro ordine di esistenza che possono dare assistenza, conoscenza e potere, molto al di sopra di quello che uno può acquisire attraverso i libri o apprendere da episodi semplicemente mondani ed esperienze delle nostre vite.
Nei giorni dei suoi primi apprendimenti nella Golden Dawn Crowley imparò ad evocare e bandire spiriti; a viaggiare nella Visione Spirituale; a proiettare e controllare il Corpo di Luce, o corpo astrale; ad interrogare le entità che egli incontrava nelle sue esperienze fuori dal corpo e generalmente ad ottenere informazioni, conoscenza e potere al di là dei normali mezzi di un uomo. Per fare ciò egli doveva diventare un Mago: egli doveva sottomettere la sua volontà, così come tutte le sue altre facoltà ad una rigorosa disciplina, addestrandola secondo i principi che egli aveva tracciato nelle sue molte scritture magiche.
Come è ben noto le droghe possono aprire le porte a regioni che trascendono la normale coscienza sveglia. Nella maggioranza dei casi le esperienze vissute sono subnormali e non trascendenti, parlando umanamente, e gli incontri sono formati di immagini di complessità sbalorditiva che sembrano sfidare la classificazione e il controllo. Sono queste esperienze che ossessionano e portano pazzia al loro risveglio. Con la conoscenza magica, d'altro canto, le esperienze possono divenire una ordinata armonia di rapimento visuale e tattile trascendendo qualunque cosa che noi possiamo conoscere nell'ordine mondano delle cose: schiudendo visioni di uno splendore veramente trascendente, rinvigorenti, concedenti conoscenza ed illuminazione.
É evidente dallo studio delle Operazioni Magiche di Crowley che egli usava droghe con lo scopo fisso di invocare ed interrogare gli spiriti che apparivano in risposta alle sue invocazioni, allo stesso modo  che Kelly e Dee interrogavano e apprendevano dagli spiriti che apparivano nella pietra da chiaroveggenza.
É assolutamente necessario che la Volontà sia esercitata, sia che noi impieghiamo sesso o droghe o qualsiasi altro metodo per accrescere la coscienza, perché solamente così noi possiamo padroneggiare la scena e non essere schiavizzati da essa. Quindi noi possiamo con confidenza seguire il precetto proclamato da Aiwass ne Il Libro della Legge: Fai quello che vuoi sarà tutta la Legge, comprendendo che "l'Amore è la legge, amore sotto il dominio della volontà".
Crowley scrisse in uno dei suoi Commenti su un verso de Il Libro della Legge, già citato:
"Il vino e le strane droghe non feriscono le persone che fanno la loro volontà; esse avvelenano solo quelle persone che sono cancerose con il Peccato Originale:
Se sei veramente libero puoi prendere cocaina così semplicemente come un grano di sale marino. Non vi è migliore prova per un'anima che il suo atteggiamento verso le droghe. Se una persona è semplice, senza paura, appassionata, egli sarà giusto e non diventerà uno schiavo. Se egli ha paura egli è già uno schiavo. Facciamo in modo che l'intero mondo prenda oppio, hashish, e il resto; e coloro che sono soggetti ad abusarne è meglio che muoiano.
Perché è nel potere di tutte quelle così chiamate droghe intossicanti di rivelare un uomo a se stesso. Se questa rivelazione lo dichiara una Stella, allora essa brilla chiara anche dopo. Se essa dichiara una cosa Cristiana né uomo né bestia, ma una confusione della mente - egli smania per la droga, non più per il suo effetto analitico ma per il suo effetto di instupidimento. Lytton ha una grande storia di ciò in Zanoni. Glyndon, un non iniziato, prende un Elixir e contempla non Adonai il glorioso ma l'Abitante sulla Soglia. Scacciato dal Santuario egli diviene un volgare ubriacone.
Noi di Thelema pensiamo che sia vitalmente giusto far sì che un uomo prenda l'oppio. Egli può distruggere il suo veicolo fisico a causa di ciò ma può produrre un altro Kubla Khan. É una sua responsabilità."
 
In certe Operazioni Magiche che Crowley eseguì tali quali l'Operazione di Parigi, l'Operazione Abuldiz e l'Operazione Alamantrah, furono impiegate una varietà di droghe. La cocaina che Crowley assegnava all'elemento del Fuoco fu usata per fortificare la Volontà, aiutando così a tenere gli oggetti della Operazione saldamente nella mente. La morfina, lenta e purificatrice della mente, rende il Pensiero e la sua formulazione più vivido e preciso. L'eroina sembra partecipare di entrambe di queste qualità e le combina in una maniera peculiarmente sottile. All'elemento dell'Acqua è attribuito l'hashish e il mescal, a causa  delle loro proprietà di costruzione delle immagini, anche perché essi aprono le porte del Piacere e della Bellezza. Egli inoltre attribuiva la morfina a questo elemento. All'Aria, che è l'elemento assegnato alle facoltà del raziocinio, egli attribuiva l'Etile Ossido per il suo uso nella analisi mentale e nei più profondi movimenti dell'introspezione. Infine l'elemento della Terra abbraccia le droghe direttamente ipnotiche che inducono quiete e dimenticanza permettendo al mago di ritirarsi nelle braccia della grande Madre (Terra) per reintegrare quindi le sue energie devitalizzate.
Si noterà che con l’attribuzione di droghe specifiche agli elementi Crowley aveva sostituito le vecchie tecniche cerimoniali e simboliche del controllo del subconscio con aiuti sperimentali più diretti e vivi. Allo stesso modo del sesso, l'alcool e la danza mistica o la circuambulazione e l'uso dei mantra o incantesimi. Tutti questi aiuti per l'estasi sono usati oggi ma in molti casi senza una appropriata direzione magica: essi sono impiegati senza prestare attenzione all'oggetto dell'Operazione, se poi vi è un qualche oggetto! Vi è l'amore ma non è sotto il dominio della volontà: vi sono visioni ma esse sono selvagge, inintelligibili e caotiche, improduttive di conoscenza reale sia del Sé che di ogni altra cosa.
È arrivato il momento, penso, che tutti questi fili liberi devono essere raccolti e intrecciati in una corda singola. Niente sarà guadagnato e ogni cosa persa dal presente incauto spreco della vitalità legata alle chimere ed alle fantasie neurotiche querule. Se il progresso reale deve essere compiuto verso la grande e transmondana Coscienza che è ora alla portata di tutti gli esseri umani intelligenti, è tempo di sguainare la Spada della Volontà; in primo luogo in modo da comprenderla; in secondo per compierla; e infine per far sì che l'Universo esterno riveli la sua vera natura come identica e simbolica del Vero Sé. Questo si può raggiungere attraverso lo studio e l'applicazione della Magick di Crowley e soprattutto di quella comunicazione sorprendente che egli ricevette al Cairo nella prima decade di questo secolo critico.
Così, anche se l'azione di Crowley nel pubblicare i segreti della Golden Dawn ne L'Equinozio  ed in altri luoghi fu, al tempo, considerato un atto di violazione e tradimento da molti dei suoi contemporanei, noi possiamo ora comprendere perché egli scrisse la curiosa dichiarazione nel suo Diario magico citata all'inizio di questo articolo.